AngelodiluceInternet

Corso HTML,avatar,gif,sfondi, ,icone, programmi free ,aforismi,poesie,Karaoke
 
IndiceCalendarioFAQCercaLista UtentiGruppiRegistratiAccedi
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 
Rechercher Ricerca avanzata
Argomenti simili
calendario
Contavisite
Migliori postatori
Angelodiluce
 
Valentina
 
raffaeled3
 
Luca
 
Lady
 
Eleonora
 
Stella
 
leona
 
Lia
 
michela2
 
Chi è in linea
In totale ci sono 5 utenti in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 5 Ospiti :: 1 Motore di ricerca

Nessuno

Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 158 il Lun Dic 10, 2012 9:48 pm
Statistiche
Abbiamo 38 membri registrati
L'ultimo utente registrato è Cristiano71

I nostri membri hanno inviato un totale di 653 messaggi in 646 argomenti
traduttore
PAGERANK
Page Rank Checker Button
Partner



Condividere | 
 

 La mitologia romana

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Angelodiluce
Admin
avatar

Messaggi : 925
Data d'iscrizione : 19.06.10

MessaggioTitolo: La mitologia romana   Mer Giu 30, 2010 5:51 am

La mitologia romana riguarda il corpus di credenze e rituali esistenti dalla fondazione di Roma, avvenuta ad opera di [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link], fino all'avvento del cristianesimo nell'età antica.
La religione venne a tal punto modificata dall'assimilazione di culture esogene ed, in particolar modo, della mitologia greca da rendere impossibile ogni precisa ricostruzione della sua origine prima che si instaurasse una vera e propria tradizione letteraria.
Molti scrittori classici dovettero fondere nelle proprie opere elementi della mitologia greca per far fronte alle lacune della tradizione romana, uno di essi fu proprio il grande poeta Ovidio.
Essenzialmente gli dei romani si possono classificare sotto due categorie: gli dei indigetes e gli dei novensiles, che furono assimilati successivamente.
I divi indigetes erano gli dei romani autoctoni, dalle loro qualità e festività si può dedurre facilmente che gli antichi romani, pur facendo parte di una comunità sostanzialmente agricola, erano amanti della guerra e del combattimento.
Essi rispondevano alle necessità della vita di tutti i giorni, alle pratiche quotidiane ed ad essi venivano offerti in sacrificio principalmente animali, ma non solo, in precisi rituali adempiuti meticolosamente.
Appartenenti al gruppo delle più antiche divinità romane vi erano, oltre ai divi indigetes che potremmo considerare le divinità maggiori, anche una serie di dei definibili come "ausiliari" o "custodi". Essi venivano invocati in occasioni specifiche dalle quali derivavano i propri nomi ed in cui esaurivano le proprie funzioni.
Alcuni divi indigetes erano:
I Lari, che proteggevano i campi e la casa.
Pale, che proteggeva i pascoli.
Giano, che vegliava le porte ed i passaggi.
Vesta, che vegliava il focolare.
Cerere e Pomona proteggevano rispettivamente la crescita del grano e la frutta.
Saturno, che proteggeva la semina.
Opi e Conso, che vegliavano il raccolto.
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link], padre degli dei, era considerato il regolatore di ogni attività umana oltre che per il suo enorme potere, anche grazie alla sua arma, la folgore. Egli era venerato per le sue indispensabili piogge e come protettore delle attività militari ambientate al di fuori del confine.
Quirino era considerato il protettore delle milizie durante i periodi di pace.
Marte era il dio della guerra e della gioventù.
In origine il pantheon era formato da Giove, Marte, Quirino, Vesta e Giano.
Non tardarono comunque ad aggiungersi ad essi altri dei, molti dei quali appartenenti ad i territori che lo stato romano man mano conquistava.
In ciò risiedeva una delle più grandi qualità del futuro impero e probabilmente una delle ragioni della sua incredibile longevità.
Non solo gli antichi romani permettevano la continuazione dei propri credi religiosi alle popolazioni dei territori inglobati, ma anzi accettavano le nuove divinità tra le proprie originarie e riservavano ad esse i medesimi onori.
Così si aggiunsero Minerva,
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link], [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link], Diana, Venere, [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link] e numerose altre.
Col tempo risaltò in importanza il pantheon antropomorfico greco che insieme alla filosofia ellenica portò al declino dei riti e delle funzioni politiche minori originarie della Roma più antica.
Fra quelle che resistettero all' "innovazione" si possono annoverare la carica di pontefice e di augure, sempre molto ambite.
In questo lento, ma costante processo intervenne l'imperatore Augusto, il quale riformò il sistema religioso valorizzando la devozione agli dei in modo anche da assicurare una certa stabilità sociale.
Non vi è dunque da stupirsi se è proprio in questo periodo che, grazie anche alla divulgazione dell'Eneide di Virgilio tornò in auge la leggenda della fondazione di Roma da parte
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://angelodiluceinternet.forum-ativo.com
 
La mitologia romana
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» cerco appunti di ARCHEOLOGIA E STORIA DELL'ARTE GRECO E ROMANA e di ARCHEOLOGIA CRISTIANA
» Storia Romana
» La repubblica romana, unità didattica semplificata, classe V
» Esame storia romana triennale todisco
» Esame di Storia Romana

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
AngelodiluceInternet :: Mitologia-
Andare verso: