AngelodiluceInternet

Corso HTML,avatar,gif,sfondi, ,icone, programmi free ,aforismi,poesie,Karaoke
 
IndiceCalendarioFAQCercaLista UtentiGruppiRegistratiAccedi
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 
Rechercher Ricerca avanzata
calendario
Contavisite
Migliori postatori
Angelodiluce
 
Valentina
 
raffaeled3
 
Luca
 
Lady
 
Eleonora
 
Stella
 
leona
 
Lia
 
michela2
 
Chi è in linea
In totale ci sono 2 utenti in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 2 Ospiti

Nessuno

Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 158 il Lun Dic 10, 2012 9:48 pm
Statistiche
Abbiamo 38 membri registrati
L'ultimo utente registrato è Cristiano71

I nostri membri hanno inviato un totale di 653 messaggi in 646 argomenti
traduttore
PAGERANK
Page Rank Checker Button
Partner



Condividere | 
 

 LA CAVALLERIA

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Angelodiluce
Admin
avatar

Messaggi : 925
Data d'iscrizione : 19.06.10

MessaggioTitolo: LA CAVALLERIA    Dom Lug 18, 2010 10:06 am

Secondo il diritto feudale, il feudo ottenuto in beneficio doveva essere trasmesso alla morte del signore al suo primogenito maschio. I figli minori, i cadetti, dovevano quindi adattarsi a vivere sotto la tutela del fratello maggiore, oppure abbracciare la carriera ecclesiastica o, in alternativa quella militare. Nel primo caso essi ottenevano spesso dei benefici collegati al monastero nel quale entravano, oppure potevano ambire al possesso di feudi ecclesiastici vacanti. Se decidevano di seguire la carriera militare, prendevano servizio presso un signore e dopo un duro tirocinio in qualità da scudieri, gli era possibile ambire al titolo di cavalieri. La Chiesa, allo scopo di limitare lo spirito guerresco dei signori, tentava di dirigere l’operato degli aspiranti cavalieri, verso fini nobili e più degni di tale titolo: giustizia, probità, lealtà, cortesia e soprattutto la difesa dei più deboli. In questo modo l’investitura cavalleresca veniva ad assumere il carattere di una consacrazione religiosa, per mezzo della quale il cavaliere entrava a far parte di una confraternita, la Cavalleria, nella quale vigeva un codice comprendente regole estremamente severe ed esclusive. Molto spesso la Cavalleria costituì per molti un valido aiuto contro le prepotenze dei feudatari e la Chiesa stessa vi fece assegnamento per la lotta contro barbari e infedeli. In realtà molti cavalieri vennero meno alle regole, mostrandosi avidi di ricchezze e sanguinari, quindi molto diversi dai cavalieri erranti spesso citati come esempi di rettitudine nelle poesie medioevali.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://angelodiluceinternet.forum-ativo.com
 
LA CAVALLERIA
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
AngelodiluceInternet :: Storia-
Andare verso: