AngelodiluceInternet

Corso HTML,avatar,gif,sfondi, ,icone, programmi free ,aforismi,poesie,Karaoke
 
IndiceCalendarioFAQCercaLista UtentiGruppiRegistratiAccedi
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 
Rechercher Ricerca avanzata
Argomenti simili
calendario
Contavisite
Migliori postatori
Angelodiluce
 
Valentina
 
raffaeled3
 
Luca
 
Lady
 
Eleonora
 
Stella
 
leona
 
Lia
 
michela2
 
Chi è in linea
In totale ci sono 2 utenti in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 2 Ospiti

Nessuno

Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 158 il Lun Dic 10, 2012 9:48 pm
Statistiche
Abbiamo 38 membri registrati
L'ultimo utente registrato è Cristiano71

I nostri membri hanno inviato un totale di 653 messaggi in 646 argomenti
traduttore
PAGERANK
Page Rank Checker Button
Partner



Condividere | 
 

 L'essere e le sue forme (Platone)

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Angelodiluce
Admin
avatar

Messaggi : 925
Data d'iscrizione : 19.06.10

MessaggioTitolo: L'essere e le sue forme (Platone)   Mer Lug 28, 2010 3:27 pm

A questa conclusione si giunge esplicitamente nel Sofista. Contro gli «amici delle idee», cioè contro l'interpretazione oggettivistica della teoria delle idee, si afferma risolutamente l'impossibilità che «l'essere perfetto sia privo di movimento, di vita, di anima, d'intelligenza, e che non viva né pensi». Bisogna ammettere che l'essere comprenda in sé l'intelligenza (o il soggetto) che lo conosce; questa, come si è visto dal Parmenide, non può cadere fuori dell'essere, altrimenti l'essere rimarrebbe sconosciuto. Ma l'inclusione dell'intelligenza nell'essere modifica radicalmente la natura dell'essere. Esso non è immobile, perché l'intelligenza è vita e quindi movimento: il movimento è quindi una determinazione fondamentale, una forma (eidos) dell'essere. Ciò non vuol dire che l'essere si muova in ogni senso, come sostengono gli Eraclitei; bisogna ammettere che l'essere è, nello stesso tempo, movimento e quiete. Ma in quanto li comprende entrambi non è né l'una cosa né l'altra, per quanto possa essere entrambe: quindi essere, movimento, quiete sono tre determinazioni diverse, e tuttavia connesse, dell'essere. L'essere è comune al movimento e alla quiete; ma né il movimento né la quiete sono tutto l'essere. Ognuna di queste determinazioni o forme è identica con se stessa, e diversa dall'altra: l'identico e il diverso saranno dunque altre due determinazioni dell'essere, che così si elevano a cinque: essere, quiete, movimento, identità, diversità. Ma la diversità di ognuna di queste forme dall'altra significa che ognuna di esse non è l'altra (il movimento non è la quiete, ecc); sicché la diversità è un non-essere e il non-essere in qualche modo è, perché, come diversità, è una delle forme fondamentali dell'essere. In tal modo il forestiero eleate, lo scolaro di Parmenide che è il protagonista del Sofista, ha compiuto il necessario «parricidio» verso Parmenide: utilizzando la ricerca eleatica, Platone ha proceduto al di là di essa, unendo all'essere parmenideo la soggettività socratica e perciò facendo vivere e muovere l'essere. Questa determinazione delle cinque forme (o generi) dell'essere fonda (o si fonda su) una nuova concezione dell'essere: nuova perché diversa da quelle che Platone trovava già accettate nella filosofia a lui contemporanea. In primo luogo, essa esclude che l'essere si riduca all'esistenza corporea come sostengono i materialisti: giacché si dice che «sono» non solo le cose corporee ma anche quelle incorporee, per esempio la virtù (247 d). In secondo luogo, essa esclude che l'essere si riduca alle forme ideali, come sostengono «gli amici delle forme», perché in tal caso si escluderebbe dall'essere la conoscenza dell'essere e quindi l'intelligenza e la vita (248 e-249 a). In terzo luogo, essa esclude che l'essere sia necessariamente immobile (cioè che «tutto sia immobile») o che l'essere sia necessariamente in movimento (cioè che «tutto sia in movimento») (249 d). In quarto luogo, esclude che tutte le determinazioni dell'essere possano combinarsi tra loro o che tutte si escludano reciprocamente (252 a-d). Inoltre, come si è visto, l'essere dovrà pure comprendere il non essere come alterità. Su queste basi, l'essere non può definirsi in altro modo che come possibilità (dynamis); e si deve dire che «è qualunque cosa si trovi in possesso di una qualsiasi possibilità o di agire o di subire, da parte di qualche altra cosa, anche insignificante, un'azione anche minima e anche per una sola volta» (247 e). La possibilità, di cui qui parla Platone, non ha niente a che fare con la potenza di Aristotele. La potenza infatti è tale solo nei confronti di un atto che, esso solo, è il senso fondamentale dell'essere. Ma per Platone il senso fondamentale dell'essere è proprio la possibilità. Ed è l'essere così inteso che rende possibile, secondo Platone, la scienza filosofica per eccellenza, la dialettica.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://angelodiluceinternet.forum-ativo.com
 
L'essere e le sue forme (Platone)
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» GLI INSEGNANTI DI SOSTEGNO POSSONO ESSERE UTILIZZATI PER L2
» la chiavetta può essere usata dove si vuole?
» Quando avete capito di essere depressi?
» Difficoltà a essere capiti dalle persone che abbiamo intorno
» Mi chiedo... tornerò mai ad essere ME STESSA?!

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
AngelodiluceInternet :: Folosofia-
Andare verso: